Castello Caetani di Sermoneta

La Roccaforte di Sermoneta e le sue prigioni
Acquista Ora

Visite guidate

L’ingresso al Castello è regolato esclusivamente da visite guidate.
Il contributo di ingresso si acquista online.
Solo in caso di posti disponibili, non avendo raggiunto il tutto esaurito, sarà possibile acquistare il contributo di ingresso sul posto.

Orari di visita
L’ingresso al Castello è regolato da 4 ingressi giornalieri:

da aprile a settembre: 9.30 / 11.00 / 15.00 / 16.30
da ottobre a dicembre, solo il sabato e la domenica:
10.00 / 11.30 / 14.00 / 15.00

Il tempo massimo di attesa è di 20 minuti
I gruppi partono ogni 15 minuti, si raccomanda la puntualità in mancanza della quale la visita non sarà garantita.

Al momento della prenotazione è possibile scegliere fra:
– Visita ordinaria del castello, durata un’ora circa
– Visita combinata (ordinaria + prigioni): un’ora e 45 minuti.

Giorno di chiusura settimanale giovedì.

Contributi di ingresso 2019

Con il contributo indispensabile di ogni visitatore, la Fondazione Roffredo Caetani provvede alla manutenzione e alla valorizzazione del Castello Caetani di Sermoneta.

Adulto € 8
Minori con età inferiore  12 anni Gratuito
Gruppi +25 pax € 6
Severa disabilità (>75%) € 4
Si acquista sul posto
Prigioni € 8 singolarmente
€ 5 se abbinato all’ingresso

L’acquisto del contributo online prevede una maggiorazione di €0,50 per ogni ingresso acquistato.

Il contributo non è rimborsabile. Non sono ammesse cancellazioni o cambi di data.

Attenzione: l’acquisto degli ingressi terminerà alle ore 20 del giorno precedente la data scelta.

I bambini con età inferiore ai 12 anni accompagnati da genitore, non devono essere indicati al momento della prenotazione.

INFORMAZIONI E Regolamento di visita

  • La Direzione del castello si riserva di modificare l’itinerario di visita per motivi di sicurezza o restauro. In circostanze particolari l’accesso al castello sarà precluso.
  • E’ possibile acquistare il proprio contributo di ingresso con PayPal, carta di credito o carta prepagata. 
  • Una volta acquistato il proprio contributo di ingresso, via email si riceverà un voucher sul quale è riportato il nome e cognome della persona che ha effettuato la registrazione online. Talvolta il voucher può finire nella cartella Spam o posta indesiderata
  • I voucher non sono nominali. Su ogni voucher è riportato solo il nome e cognome della persona che ha prenotato la visita.
  • Il voucher ricevuto dovrà essere presentato all’ingresso, è possibile stamparlo oppure mostrarlo su smartphone o tablet.
  • Il contributo di ingresso è vincolato alla data scelta e non è utilizzabile in altro data, consigliamo quindi di prestare molta attenzione in fase di prenotazione. Il contributo di ingresso non può essere rimborsato.
  • La Fondazione Roffredo Caetani onlus garantisce la visita guidata anche in caso di pioggia, pertanto in casa di mancata visita per libera scelta del visitatore non è previsto rimborso.
  • I diversamente abili (>75%) acquista il contributo sul posto, mentre l’accompagnatore dovrà acquistarlo online.

 

  • Non è disponibile un biglietto cumulativo Giardino di Ninfa+Castello Caetani di Sermoneta.
  • Si consiglia un vestiario comodo evitando tacchi alti o suole di scarpe lisce.
  • Per la presenza di scale e strettoie, si sconsiglia l’uso di passeggini durante la visita.
  • Il percorso è sconsigliato a persone con problemi di deambulazione o in carrozzina, poiché la struttura non consente percorsi di visita agevolati.  
  • All’interno del Castello non è possibile pranzare al sacco o fare un pic-nic.
  • All’interno del Castello è vietato portare palloni, raccogliere fiori o piante.
  • Sono ammessi cani purchè con guinzaglio corto (1,5 m max) e appositi sacchetti per deiezioni.
  • Il castello è sprovvisto di bar o punto ristoro.
  • La Fondazione Roffredo Caetani informa che è vietato inviare droni sul Castello Caetani di Sermoneta per questioni di riservatezza e di proprietà privata.
  • Il Giardino di Ninfa dista dal Castello Caetani di Sermoneta circa 10 km.

 

Visita il Giardino di Ninfa

VIENI A VISITARE IL GIARDINO PIÙ BELLO D’EUROPA

Scopri di più

Il Castello Caetani di Sermoneta

Le origini del castello Caetani, situato nel borgo medievale di Sermoneta, risalgono al XIII quando ne erano proprietari i baroni Annibaldi. La rocca già allora era caratterizzata dal Maschio, una torre alta 42 metri, e da una contro torre, detta Maschietto.

Nel 1297 Pietro Caetani, Conte di Caserta, ottenne dagli Annibaldi, per intercessione dello zio, Papa Bonifacio VIII, Sermoneta, Bassiano e San Donato per la somma di 140 mila fiorini d’oro e Ninfa per 200 mila.

I Caetani nel XV secolo avviarono grandi opere di ampliamento del Castello, la collegiata di San Pietro, dove erano custodite le spoglie Caetani, venne inglobata in Piazza D’Armi e al 1470 risalgono le Camere Pinte, stanze affrescate con scene mitologiche e allegoriche.

Nel 1499 Alessandro VI Borgia  con una bolla pontifica scomunicò i Caetani e si appropriò dei loro beni, privandoli di privilegi e diritti.

Il castello sotto i Borgia divenne una fortezza militare: fu rinforzata la cinta muraria, fu costruito il Rivellino, o Cittadella, e il muraglione del camminamento di ronda, fu distrutto l’ultimo piano del Maschio e raso al suolo la chiesa di San Pietro in Corte, senza alcun rispetto per le spoglie dei Caetani ivi sepolte sin dal 1400.

Alla morte di Alessandro VI, Papa Giulio II Della Rovere riconfermò i Caetani Signori di Sermoneta nel 1504.

Il castello Caetani ha visto il passaggio di ospiti illustri come imperatori, papi, principi e cardinali, e grandiosi festeggiamenti, memorabili gli onori tributati a Carlo V che si recò in visita al Castello il 2 aprile 1536 seguito da 1000 cavalieri e 4000 fanti nel 1536 ospite di Bonifacio I Caetani (1514-1574).

Nel Seicento i Caetani si trasferirono altrove non avendo più Sermoneta l’importanza strategica di un tempo, iniziò così il lento abbandono del castello. Nel Settecento subì devastazioni e saccheggi da parte di militari spagnoli e francesi, e durante l’Ottocento che venne dato in affitto come magazzino militare e per derrate alimentari.

Solo alle fine dell’Ottocento i Caetani tornarono ad occuparsene avviando imponenti lavori di restauro e trasformandolo in centro sociale e educativo.

Oggi la Fondazione Roffredo Caetani lo tutela e conserva, cercando di perpetuare l’opera iniziata dal plurisecolare Casato.

Dove si trova

Via della Fortezza 
04013 Sermoneta (LT)